Combattere lo strapotere delle banche: la testimonianza di chi ce l'ha fatta

Caro Gazzettino,
la Camera di commercio (o meglio... Commercio della camera) di Padova, fino a pochi anni fa aveva stampato e deliberato nei propri "usi territoriali" la pratica illecita dell'anatocismo, espressamente vietata dall'art. 1283 del codice civile. questo differente sistema di calcolo, annuale sui depositi e trimestrale sui prestiti (fidi) ha comportato un illecito e ingiusto guadagno nelle casse delle banche. Senza ripercorrere tutte le tappe giuridiche, basti pensare che un debito di 100mila euro al 20% di interesse, in dieci anni dovrebbe produrre ben 200mila euro di interessi.
 
Con il sistema di capitalizzazione trimestrale diventano oltre 600mila. Tutte le aziende che sono state coinvolte: la mia azienda nel 2007, ha vinto una causa per anatocismo contro la Cassa di risparmio Padova e Rovigo su un prestito garantito da Artigianfidi e quindi doppiamente grave. La Camera di commercio di Padova a mio avviso è doppiamente responsabile di questi illeciti arricchimenti delle banche, a tutto svantaggio delle aziende, ma anche per il fatto che non informa che queste somme possono essere recuperate, insieme alle commissioni di massimo scoperto, in quanto indeterminate o indeterminabili.
 
Inaudito è che il vice presidente, ex presidente della Confederazione Nazionale dell'Artigianato di Padova, Sergio Gelain, ha di recente affermato in pubblico ad Arzergrande (Padova) che:"la lobby delle banche è troppo forte per essere combattuta". Si dà il caso che chi scrive, insieme alla sua famiglia, ha al suo attivo ben 5 sentenze contro una Cassa di risparmio, di cui due della Corte d'appello di Venezia. Abbiamo dimostrato in giudizio, una sorta di truffa sul mutuo stipulato per l'acquisto della prima casa "la cassa per la casa": il mutuo originario era di 40 milioni di lire, su cui la mia famiglia ha pagato oltre 43 milioni di interessi in 15 anni.
 
Il Tribunale di Padova e la Corte d'appello di Venezia, hanno riconosciuto la "fumosità" e indeterminatezza del contratto, ordinando la restituzione di oltre 18 milioni di lire. Fatto sta che queste notizie sono conosciute e notificate nell'ambiente della Camera di commercio e se opportunamente pubblicizzate potrebbero permettere di salvare numerose vite umane dal suicidio. Basterebbe una pre-analisi a tappeto di tutti i rapporti bancari e salterebbero fuori innumerevoli anomalie, compresa l'usura che si forma con le commissioni e spese. per questo, come Confedercontribuenti veneto, ci siamo fatti alcune magliette con su scritto:"basta suicidi e usura in capo alle banche e camere di commercio".
 
 
Alfredo Belluco - Confedercontribuenti veneto - Padova
(originariamente pubblicato su IlGazzettino.it)
 
 

   

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Commenta la notizia

Nessun commento trovato.

Nuovo commento

?  FAQ
>  Chi Siamo
#  Informativa Privacy